PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA IN VARIANTE AL PRG RELATIVO A COMPARTO A SERVIZI COMMERCIALI ‘FC’ IN LOCALITA’ GRIGNANO.

COMUNE DI SPELLO

Sportello Unico Attività Produttive ed Edilizia
Via Garibaldi, 19 - C.A.P. 06038

www.comune.spello.pg.it
P.E.C.: comune.spello@postacert.umbria.it

P.IVA 00387840549 - C.F. 82001750544

OGGETTO: PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA IN VARIANTE AL PRG – PARTE OPERATIVA ADOTTATO CON D.C.C. N.1 DEL 28/01/2016 RELATIVO A COMPARTO A SERVIZI COMMERCIALI ‘FC’ IN LOCALITA’ GRIGNANO.

PREMESSA:

RELAZIONE ISTRUTTORIA

VISTA l’istanza di Piano Attuativo di iniziativa privata in variante al PRG parte operativa in località Grignano presentata al prot. n.20674 del 31/12/2014 da “M.G. immobiliare di Marzioli g.&c. s.n.c.” con Sede a Foligno, Via Daniele Manin n.22 quale soggetto promissario acquirente relativa al progetto di Urbanizzazione di un’area a destinazione 'FC'-'FM' come individuate dalla parte operativa PRG del Comune di Spello per l’attuazione di un comparto a destinazione Commerciale;

VISTA la Deliberazione di Consiglio Comunale n.1 del 28/01/2016 con la quale veniva ADOTTATO il piano attuativo di iniziativa privata in variante al PRG – Parte Operativa relativo a comparto servizi commerciali ‘FC’ in località Grignano ;

VISTA la pubblicazione al BUR–UMBRIA del 23/02/2016 con la quale veniva pubblicato l’avviso di deposito della Deliberazione di Consiglio Comunale n.1 del 28/01/2016 e dei documenti allegati;

RICHIAMATA la Deliberazione di Consiglio Comunale n. 28 del 12/09/2016 riguardante il piano attuativo di iniziativa privata in variante al PRG, parte operativa, adottato con D.C.C. n. del 28/01/2016 – “esame osservazioni”, nella quale è stato deliberato di approvare le modificazioni ed integrazioni al piano attuativo conseguenti all’esame delle osservazioni e conseguentemente di autorizzare il Responsabile dell’Area Urbanistica a richiedere al proponente del piano attuativo adottato con D.C.C. n. del 28/01/2016 la modifica e l’adeguamento degli elaborati costituenti il piano secondo i seguenti punti:

  1. Lo sviluppo progettuale del lotto n.1 dovrà prevedere l’inserimento di una “piazza coperta” che garantisca la permeabilità funzionale tra i due prospetti più lunghi spezzando la continuità visiva degli stessi. Per “piazza coperta” deve intendersi uno spazio privato coperto di relazione aperto al pubblico destinato al transito e alla sosta dei fruitori dei

pubblici esercizi e comunque destinato ad attività collettive ed eventualmente anche ad attività espositive e commerciali qualora consentite dalle specifiche normative di settore.

  1. La “piazza coperta” dovrà essere posizionata in modo da spezzare la continuità visiva dei prospetti più lunghi: l’altezza della copertura della piazza potrà essere differenziata rispetto all’altezza della copertura dei corpi di fabbrica adiacenti interrompendo la continuità di sagoma dell’edificio.
  2. Al fine di rendere la “piazza coperta” proporzionata alle dimensioni dell’edificio la stessa dovrà avere una dimensione minima in termini di superficie coperta pari ad almeno il 15% della superficie coperta complessiva dell’edificio che verrà ad insistere nel lotto n.1, di maggior consistenza.
  3. Nel caso di esecuzione degli edifici a stralci funzionali dovrà essere presentato ed esaminato un progetto architettonico unitario nei singoli lotti in sede di presentazione del relativo permesso di costruire.

5. l’utilizzo del passo carrabile sulla S.P. n.310 dovrà riservato esclusivamente in via del tutto eccezionale ai mezzi di soccorso.

rilevando tra l’altro che dette integrazioni non modificano l’assetto urbanistico e infrastrutturale del piano adottato e non necessitano dell’acquisizione di nuovi pareri e della riadozione del piano e che sono volte ad ottenere una migliore qualificazione architettonica dell’edificio del lotto n.1 in termini di distribuzione planimetrica degli ingombri dello stesso e di conseguenza del contesto in cui si inserisce;

VISTA la nota via PEC prot. 13976 del 21.09.2016 a firma del Responsabile dell’Area Urbanistica avente per oggetto “D.C.C. n.28 del 12/09/2016 piano attuativo di iniziativa privata in variante al PRG parte operativa, adottato con D.C.C. n.1 del 28/01/2016 relativo a comparto a servizi ‘FC’ in loc. Grignano – richiesta integrazioni” tramite la quale, in esito alla diposizioni della delibera, sono state richieste, la modifica e l’adeguamento degli elaborati come da punti elencati al paragrafo precedente;

TUTTO ciò premesso, richiamando integralmente l’istruttoria svoltasi in sede di adozione del presente Piano Attuativo ad allegata alla D.C.C. n. 1 28/01/2016, nonché la relazione istruttoria di valutazione delle osservazioni e delle repliche pervenute, allegata alla D.C.C. n. 28 del 12/09/2016, sottoscritte dal Responsabile dell’Area Urbanistica si evidenzia quanto di seguito:

ESAME DELLE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI IN MERITO AL PIANO ATTUATIVO DI INIZIATIVA PRIVATA ADOTTATO CON D.D.C. N.1 DEL 28/01/2016.

In esito alla richiesta di integrazione prot. 13976 del 21.09.2016 con nota acquisita al protocollo comunale n. 11116 del 19 luglio 2017, il Proponente MG Immobiliare di Marzioli G&c snc ha trasmesso n. 2 copie gli elaborati tecnici relativi al piano attuativo come da elenco seguente:

Elenco Elaborati: RILIEVO


  • Stralcio del piano regolatore della zona;
  • Stralcio catastale della zona (1:2000 – 1:1000);
  • Identificazione dell’intorno: viabilità, proprietà, su base catastale (1:500); PaR01

    • Rilievo plano-altimetrico con curve di livello ad equidistanza non superiore a m. 2.50, riferite ai capisaldi dell’IGM, con individuazione di eventuali alberature. Le quote altimetriche dovranno far riferimento ad un unico caposaldo, valido per tutte le tavole, sia di rilievo che di progetto (1:500);
PaR02
    • Profili altimetrici che abbiano attinenza con il progetto (1:500);
PaR03
    • Documentazione fotografica della zona e degli immobili. Per quest’ultimi è consigliato avere delle foto con riferimenti metrici;
PaR04 PaR05
    • Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà che attesti il titolo abilitativi alla richiesta (es: Il sottoscritto TIZIO dichiara di essere proprietario …). In alternativa possono essere sempre prodotte le copie fotostatiche di documenti che attestino lo stesso titolo (atto notarile, ecc.), anche se sono sconsigliate.
PaR06
    • Procura Speciale ad agire per conto dei proprietari
PaR07



Elenco Elaborati: PROGETTO


    • Rappresentazioni grafiche con contenuto planimetrico, altimetrico e planovolumetrico per riprodurre le previsioni del piano ed anche le destinazioni d’uso delle aree e degli immobili in scala non inferiore al rapporto 1:500, ed in particolare per indicare dettagliatamente:
      • gli elementi di arredo edilizio ed urbano, comprese le sedi necessarie per la raccolta dei rifiuti;
      • il sistema del verde pubblico e privato con la tipologia e quantità delle alberature da scegliere tra quelle autoctone e comunque più comunemente usate nell'arredo urbano;
      • il sistema della viabilità veicolare, pedonale ed eventualmente di quella ciclabile, nonchè dei parcheggi nel rispetto delle diverse esigenze di mobilità ;
      • le aree di sosta del sistema di trasporto pubblico:

PaP01 PaP02t PaP03t PaP04t PaP05t PaP06t PaP07t


    • Profili altimetrici di progetto, di cui due perpendicolari tra di essi (1:500);
PaP08t

    • Aree ed opere da destinare ad urbanizzazione primaria e secondaria (1:500);
    • Eventuale divisione in lotti appositamente quotati (1:500);
    • Sagoma indicativa dell’ingombro massimo degli edifici in progetto (Scala adeguata);
PaP09t
    • Individuazione delle aree destinate all’acquisizione pubblica (Scala adeguata);
PaP10v
  • Individuazione delle aree destinate a standard urbanistici (Scala adeguata); PaP11t PaP12t

    • Tabella dimostrativa del reperimento degli standard urbanistici in formato A4;
PaP13t
  • Relazione tecnica illustrativa degli interventi, delle motivazioni e dei criteri seguiti dal piano, con riferimento alle previsioni del P.R.G.; PaP15t

  • Norme di attuazione per assicurare il rispetto delle previsioni e dei contenuti del P.R.G.; PaP16t

    • Calcoli e disegni costruttivi dei particolari delle opere di urbanizzazione primaria redatti da professionista abilitato e in opportuna scala;
PaP14PaP17t PaP19 PaP20t PaP21 PaP22t PaP23 aP24tPaP25 PaP26v PaP27 PaP28tPaP29
  • Computo metrico-estimativo delle opere di urbanizzazione primaria; PaP30

  • Schema di convenzione per disciplinare i rapporti connessi all'attuazione del piano attuativo, come previsto dall'articolo 112 del Regolamento Regionale 18 febbraio 2015, n. 2, anche in riferimento alla previsione di massima dei costi delle opere occorrenti per le sistemazioni generali necessarie per l'attuazione del piano e di quelle per l'acquisizione delle aree; PaP31v

    • Relazione geologica, idrogeologica e geotecnica, relativa alle aree interessate, redatta secondo le direttive nazionali e regionali;
PaG01 PaG02 PaG03 PaG04 PaG05 PaG06
    • Dichiarazione del tecnico abilitato attestante la conformità delle previsioni del piano al P.R.G., al regolamento edilizio comunale ed alla pianificazione comunale di settore vigenti, nonchè il rispetto delle norme di sicurezza, delle norme igienico-sanitarie, di quelle previste per l'abbattimento delle barriere architettoniche e per il contenimento dei consumi energetici, ove applicabili – allegato 'I' DGR 304/2015.
PaP32v
    • Elenchi delle proprietà e la individuazione delle aree destinate all'acquisizione;
PaP33v
    • Elenco degli elaborati prodotti (2 copie in formato A4);
PaE01t
    • Dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà redatta dal tecnico che dichiara che le copie presentate sono del tutto identiche tra di esse;
PaP34
    • Valutazione di Impatto Acustico Ambientale (V.I.A.A.) o Valutazione del Clima Acustico (V.C.A.) [per la valutazione richiesta si faccia riferimento al Regolamento del Piano di Classificazione Acustica Comunale.]
PaA01
    • Apertura di accesso carrabile su S.P. 410 tratto 3 al Km 8+595 Lato dx: Planimetria generale e sezione trasversale:
PaP35
    • Relazione in materia di Valutazioni Ambientali di cui alla L.R. 12/2010 e agli artt. 239-240 e 241 della L.R. n.1/2015
: PaP36
    • Relazione integrativa per F.S.:
PaP37
    • Intubamento fosso su S.P. 410:
PaP38
    • Intubamento Torrente Chionarella: stralcio catastale e PRG:
PaP39

    • Intubamento Torrente Chionarella: planimetria generale:
PaP40

    • Intubamento Torrente Chionarella: relazione tecnica:
PaP41

    • Smaltimento acque bianche con pozzi perdenti: relazione tecnica:
PaG07
    • Smaltimento acque bianche con pozzi perdenti: elaborato grafico:
PaG08

In merito all’esame degli elaborati tecnici volto ad accertare il recepimento delle disposizioni di cui alla D.C.C. n.28 del 12/09/2016 richiamate per esteso nelle premesse, si relaziona rispettivamente in ordine ai punti oggetto di specifiche di adeguamento :

Punto n.1. Nello sviluppo progettuale del lotto n.1 è stata inserita una “piazza coperta” le cui caratteristiche funzionali corrispondono alle attese delle disposizioni;

Punto n.2. la “piazza coperta” è posizionata in modo tale da spezzare la continuità visiva dei prospetti lunghi; l’altezza della relativa copertura potrà essere differenziata rispetto alla copertura dei corpi di fabbrica adiacenti. La fase attuale della progettazione confinata nell’ambito dei caratteri geometrici del planivolumetrico, non consente di valutare appieno tale aspetto di dettaglio, il quale in ogni modo, dovrà essere oggetto di progettazione e di valutazione nel progetto architettonico del complesso edilizio, in sede di presentazione del relativo permesso a costruire;

Punto n.3. la “piazza coperta” ha una superficie coperta superiore al 15 % della superficie coperta complessiva dell’edificio che verrà ad insistere nel lotto 1 ; la verifica degli standard richiesti è riportata nella tavola PaP11t;

Punto n.4. Si ribadisce la prescrizione che nel caso di esecuzione degli edifici a stralci funzionali dovrà essere presentato ed esaminato un progetto architettonico unitario nei singoli lotti in sede di presentazione del relativo permesso di costruire;

Punto n.5. Il passo carrabile sulla S.P. n.410 è riservato esclusivamente ai mezzi di soccorso e la destinazione è indicata nell’elaborato grafico Pa P04t – viabilità;

Verificato che, pur rimanendo invariate le quote di ingombro dell’edificio nei rispettivi prospetti, in esito all’inserimento dell’elemento piazza coperta, contestualmente è stata apportata una lieve modifica all’area di sedime, nello specifico consistente nella riduzione della rientranza del blocco centrale rispetto all’ingombro massimo laterale fissato a 46,40 m;

Verificato altresì

che le superfici edificate nell’ambito del corpo di fabbrica inserito nel lotto n.1, ricadono all’interno dell’ingombro massimo dell’edificio, così come indicato nell’elaborato grafico Pap09t ;

che la superfice della copertura del complesso edilizio insistente sul lotto n.1, in seguito all’inserimento della piazza coperta, non ha subito variazioni, rimanendo inalterate le distanze predeterminate dai confini come da piano attuativo adottato;

che la superficie relativa alla piazza coperta in ordine all’art. 72 lettera c comma 5 del regolamento edilizio comunale, non rientra nel computo complessivo della S.U.C. e che in ogni modo la S.U.C. del complesso edilizio insistente sul lotto 1, a seguito delle modifiche apportate, subisce una diminuzione rispetto ai valori determinati nel piano attuativo adottato;

Atteso che dette integrazioni non modificano l’assetto urbanistico e infrastrutturale del piano adottato e che sono volte ad ottenere una migliore qualificazione architettonica dell’edificio del lotto

n.1 in termini di distribuzione planimetrica degli ingombri dello stesso e di conseguenza del contesto in cui si inserisce;

Si ritiene di poter confermare la validità delle norme tecniche di attuazione del Piano adottato con

D.C.C. n. 1 del 28/01/2016.

VALUTAZIONE - PARERE.

Dato atto che in esito alle verifiche effettuate d’ufficio sopra riportate, le integrazioni e gli adeguamenti degli elaborati del piano attuativo, sono rispondenti alle modificazioni ed integrazioni richiesti nella D.C.C. n.28 del 12/09/2016;

Preso atto che le dette integrazioni non modificano l’assetto urbanistico e infrastrutturale del piano adottato e non necessitano dell’acquisizione di nuovi pareri e della riadozione e che sono volte ad ottenere una migliore qualificazione architettonica dell’edificio del lotto n.1 in termini di distribuzione planimetrica degli ingombri dello stesso e di conseguenza del contesto in cui si inserisce;

Richiamato integralmente il referto urbanistico allegato alla delibera di Consiglio Comunale di adozione n.1 del 28/01/2016 del presente piano attuativo di iniziativa privata, si ritiene di proporre l’approvazione definitiva del piano attuativo in oggetto;

Pertanto, visto tutto quanto sopra richiamato, si esprime parere tecnico favorevole, condizionato al rispetto delle prescrizioni di cui alla presente relazione (Punto n.2 - Punto n.4), nonché a quelle riportate nella D.C.C. n.28 in fase di esame osservazioni.

IL RESPONSABILE DELL’AREA

Ing. Mauro Peppoloni

Uffici Comunali